FISCHER: IL MATERIALE CHE HA FATTO LA DIFFERENZA ALLE OLIMPIADI.

0
57
Fischer
Ragnhild Haga e Finn Hagen Krogh hanno scelto Fischer

La maggioranza delle medaglie olimpiche delle discipline nordiche sono targate Fischer: a dimostrazione che il materiale fa la differenza soprattutto ad alti livelli.

Con un grido di trionfo e sollievo, Therese Johaug della Norvegia ha tagliato il traguardo dell’evento finale, la 30K in tecnica libera. L’eccezionale norvegese ha messo un punto esclamativo al termine dei Giochi  Olimpici Invernali, che sono stati di grande successo per la Fischer Race Family: il 57,3% di tutte le medaglie nordiche sono state vinte con sci Fischer.

Andando più nel dettaglio, il 62,3% dei vincitori di medaglie che utilizza sci e scarpe Fischer, con il 75,4% che ha utilizzato anche il TURNAMIC® Binding Set-Up. Fischer ha inviato il chiaro messaggio che, essendo il marchio di sci, scarponi e attacchi di maggior successo con un enorme margine, sono ancora una volta il chiaro numero uno nel mercato dello sci nordico. In totale, 39 medaglie d’oro, 27 d’argento e 32 di bronzo sono andate agli atleti della Fischer Race Family. Altrettanto accattivante e di successo è stato l’uso dei nuovi sci Speedmax Helium e degli scarponi Speedmax, che hanno fatto scalpore a Pechino (CHN) con il loro design in giallo neon e nero brillante.

Nel primo evento, la gara Skiathlon femminile, Therese Johaug, la russa Natalia Nepryaeva e l’austriaca Teresa Stadlober hanno conquistato il podio con l’attrezzatura fischer. Ma non solo: la norvegese ha poi conquistato l’oro nei 10K e 30K, dimostrando così di essere l’atleta femminile di maggior successo nella Fischer Race Family di Pechino. Inoltre, Natalia Nepryaeva ha vinto l’oro nella staffetta insieme alla connazionale russa Yulia Stupak, oltre al bronzo nel Team Sprint. Dopo una medaglia d’argento a sorpresa nella staffetta delle sciatrici tedesche Katherine Sauerbrey e Katharina Hennig, l’ultima delle due ha poi ottenuto un oro ancora più sorprendente nel Team Sprint. La finlandese Kerttu Niskanen si è dovuta accontentare dell’argento di soli 0,4 secondi nella 10 k dietro a Johaug e del bronzo nella 30 km conclusiva.

Suo fratello, lo sciatore finlandese Iivo Niskanen, ha raccolto con freddezza una serie completa di medaglie da portare a casa, con l’oro 15K, l’argento nel Team Sprint con il connazionale Joni Mäki e il bronzo nello Skiathlon. Il norvegese Johannes Høsflot Klæbo si è assicurato ancora due ori, vincendo la sprint e la Team Sprint con il connazionale Erik Valnes; seguito da un bronzo nella 15K e nella staffetta con i compagni di squadra Hans Christer Holund ed Emil Iversen. Il russo Denis Spitsov ha aggiunto un oro nella staffetta e un argento nello Skiathlon, mentre il connazionale Ivan Yakimushkin ha vinto l’argento nella 50K (ridotta a 30K). Nella staffetta, i russi Veronika Stepanova, Alexey Chervotkin e Sergey Ustiugov hanno contribuito con l’oro, mentre Ebba Andersson e Frida Karlsson hanno contribuito con il bronzo, con prestazioni importanti per il successo della Fischer Race Family. 

Il maggior contributo dei medagliati Fischer a Pechino è stato dato dal biatleta norvegese Johannes Thingnes Bø, il quale ha trionfato quattro volte nella Sprint, Mass Start, staffetta mista e staffetta, oltre a conquistare la medaglia di bronzo nell’individuale. Subito dietro di lui c’era il francese Quentin Fillon Maillet, che ha anche portato a casa cinque medaglie come campione olimpico nell’individuale e nell’inseguimento, oltre che secondo classificato in Sprint, staffetta mista e staffetta. Il norvegese Tarjei Bø si è divertito a guadagnare le sue prime medaglie olimpiche individuali con un bronzo in Sprint e un argento nell’inseguimento, che si aggiungono ai suoi ori in staffetta mista e staffetta. Lo svedese Martin Ponsiluoma ha fatto il suo con uno spettacolare argento nella mass start. La squadra russa ha anche schierato un quartetto Fischer nella staffetta mista, così come in entrambe le staffette. Le atlete russe Uliana Nigmatullina, Kristina Reztsova, Svetlana Mironova, Irina Kazakevich, Alexandr Loginov, Maxim Tsvetkov, Said Karimulla Khalili e Eduard Latypov hanno rapidamente alzato il numero di medaglie Fischer con l’argento nella staffetta femminile e il bronzo sia nella staffetta mista che in quella maschile. Latypov ha anche preso un bronzo nell’inseguimento. Per quanto riguarda le donne, la norvegese Tiril Eckhoff ha conquistato l’intera gamma di medaglie con l’oro nella staffetta mista, l’argento nella partenza di massa e il bronzo nell’inseguimento. La tedesca Denise Herrmann ha vinto l’oro nell’individuale e il bronzo nella staffetta con la connazionale Franziska Preuss. Le svedesi Linn Persson e Hanna Öberg sono state campionesse olimpiche nella staffetta, mentre la francese Justine Braisaz-Bouchet ha concluso al meglio le olimpiadi vincendo il titolo nella mass start.

Nella Combinata Nordica, tutti i campioni olimpici, così come 16 dei 18 vincitori di medaglie  erano equipaggiati con sci da salto Fischer, così come sci di fondo, attacchi e scarponi. Nella prima gara il tedesco Vinzenz Geiger ha alzato il ritmo negli ultimi chilometri per conquistare la vittoria sul norvegese Joergen Graabak. L’esperto norvegese ha poi vinto l’oro sul trampolino grande e ha guidato i suoi compagni di squadra e connazionali Espen Bjornstad, Espen Andersen e Jens Luraas Oftebro al titolo della competizione a squadre. Oftebro aveva già vinto l’argento sul trampolino grande, davanti al campione giapponese Akito Watabe. Con un’altra forte prestazione nel fondo, Vinzenz Geiger si è assicurato l’argento per la squadra tedesca, con gli atleti Fischer Julian Schmid ed Eric Frenzel, davanti al quartetto Fischer dal Giappone: Yoshito Watabe, Akito Watabe, Hideaki Nagai e Ryota Yamamoto.

Nel salto con gli sci, la slovena Ursa Bogataj, la tedesca Katharina Althaus e la slovena Nika Krizar hanno vinto la medaglia in una brillante prestazione. I due sloveni hanno conquistato l’oro anche nel turbolento debutto olimpico della competizione a squadre miste. Le aquile austriache Stefan Kraft, Daniel Huber e Jan Hörl hanno messo a segno prestazioni che si sono guadagnate l’oro nella competizione di salto con gli sci a squadre, mentre il tedesco Karl Geiger ha preso il bronzo nel salto individuale dal trampolino grande, poi ha lottato per il bronzo a squadre con i connazionali Constantin Schmid e Markus Eisenbichler .