FALUN, 4X10 KM UOMINI: ECCO IL QUARTETTO AZZURRO

0
26
De Fabiani, Noeckler, Clara. (Photo:NordicFocus)
De Fabiani, Noeckler, Clara. (Photo:NordicFocus)

Ecco la formazione azzurra che sarà schierata nella 4×10 km uomini in programma per domani alle 13.30. In apertura a tecnica classica di sarà Francesco De Fabiani che cederà il testimone a Dietmar Nockler, bronzo nella sprint a squadra. A Roland Clara sarà affidata la terza frazione, la prima a tecnica libera, mentre Federico Pellegrino gareggerà in ultima frazione sperando che nel finale possano essere capitalizzate al meglio le sue doti di sprinter.

Ecco le dichiarazioni della vigilia della squadra azzurra.

Francesco De Fabiani: “Nei primi giorni dopo l’arrivo in Svezia non mi sentivo tanto bene fisicamente, adesso le cose stanno migliorando. Nel lancio è importante rimanere agganciati al treno di testa, il mio obiettivo è consegnare al cambio una posizione e soprattutto un tempo che ci permetta di rimanere agganciati al treno di testa”.

Dietmar Noeckler: “Sappiamo che nella frazione in classico dobbiamo cercare di perdere meno tempo possibile dalle squadre nordiche, però dentro di me c’è tanto enusiasmo dopo il bronzo nella team sprint, spero di metterlo a disposizione della squadra”.

Roland Clara: “L’obiettivo è di trasformare in energia positiva la rabbia che ho accumulato nella 15 km di mercoledì. La staffetta è una competizione che ti regala sempre sensazioni particolari per il fatto di condividere il risultato con i compagni di squadra, lotteremo per rimanere più in alto possibile”.

Federico Pellegrino: “E’ la mia prima volta ad altissimo livello in un format del genere, per cui sarà interessante scoprire  il mio rendimento. L’obiettivo è quello di arrivare nella parte conclusiva con un gruppetto per poterci giocare le nostre chances in volata”.

Giuseppe Chenetti: “Sicuramente la nostra è una scommessa schierare in quarta frazione Pellegrino, però siamo ad un Mondiale e dobbiamo rischiare, augurandoci che l’andamento della gara ci consenta di rimanere nelle posizioni di vertice fino alla fine”.