KLEE E BROCARD METTONO LA FIRMA SULLA DOBBIACO-CORTINA.

0
67
Newspower.it Trento www.newspower.it

Seconda giornata di gare alla 45.a edizione della Granfondo Dobbiaco-Cortina. Iconica granfondo che ha scritto la storia italiana degli sci stretti e lo ha fatto anche oggi con una bella gara, animata sia davanti che nelle retrovie, sia al maschile che al femminile.

Su una pista impeccabile tra la Val Pusteria e Cortina con l’arrivo a Fiames hanno gareggiato molti fondisti. Partenza, come ieri, dall’aeroporto di Dobbiaco, palcoscenico ideale per una grande manifestazione. Ad incoraggiare i partecipanti c’erano anche il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher e il sindaco di Dobbiaco Martin Rienzner, mentre a Fiames, come ieri, c’era il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina, con la valigia già in mano e in partenza per Pechino dove andrà a ritirare la bandiera olimpica a fine Giochi, in vista del 2026.

Sin dalle prime battute tutti gli atleti dei gruppi sportivi militari e lo svizzero Klee erano al comando a fare l’andatura. Tra i più attivi Paolo Fanton e Stefano Gardener dei Carabinieri, Giuseppe Montello, Martin Coradazzi e Daniele Serra dell’Esercito. Più attardato un secondo gruppetto con i più veloci tra quelli delle lunghe distanze, con Matteo Tanel, Patrick Klettenhammer, Thomas Rinner, il biathleta sloveno Bauer, Riccardo Masiero e i tedeschi Herzog e Schubert. Intanto tra le donne ha alzato il ritmo con vigore la valdostana Elisa Brocard distazzando l’altoatesina Julia Kuen, quindi le sorelle Chiara e Alessia De Zolt e Thea Schwingshackl.

Il gruppo di testa rimaneva tale, con il gap ad aumentare col passare dei chilometri, ai passaggi alla Nordic Arena, ai due laghi di Dobbiaco e Landro, a Passo Cimabanche, idem anche per la Brocard.

Dopo il transito nelle pittoresche gallerie della vecchia ferrovia, in quattro combattevano per il podio: Fanton, GardenerMontello braccavano l’elvetico, che in quanto ad esperienza nel fondo ne vanta decisamente molta.

Nel finale però Beda Klee si è liberato di Carabinieri ed Esercito, alias Gardener e Montello, mentre Fanton ha avuto degli intoppi con la motoslitta delle riprese TV ed ha infilato la dirittura d’arrivo alle loro spalle. Klee con la coda dell’occhio ha controllato la volata di Gardener e Montello. Pericoloso l’affondo di Gardener finito a pochi decimi dall’elvetico, un secondo invece per Montello e 4” per Fanton. Primo dei civili Matteo Tanel, settimo, che nel gruppo che seguiva i protagonisti del podio ha vinto la volata col biathleta Bauer, costretto ad accontentarsi dell’8° posto davanti a Klettenhammer.

Elisa Brocard ha condotto la gara in solitaria, con tanti atleti a subire la sua azione veloce. Le altre erano lontane e Julia Kuen è stata brava a divincolarsi dalla morsa delle avversarie. Si è piazzata seconda, mai impensierita da Chiara De Zolt che aveva alle sue spalle la svedese Börjesjö.

Nella classifica combinata del sabato e della domenica, Beda Klee ha fatto en plein, capace di rifilare oltre 5’ a Busin e quasi 15’ a Köhl. Al femminile invece Elisa Perenzoni è stata la migliore, con la tedesca Mexner mai in grado di impensierirla.